Il benessere oltre il Covid

Questi mesi hanno messo a dura prova le nostre emozioni e le nostre certezze. La paura di essere troppo vicini a qualcuno, la paura di essere troppo lontani, la paura di ciò che potrebbe succedere, temere una seconda ondata di contagi, paura per un economia ferma, insomma il Covid-19 non è stato solo un virus che ha attaccato il nostro fisico, ma anche le nostre certezze e  i nostri equilibri. Cosa fare per ripartire?

Abbiamo letto vari articoli in questi mesi: molti parlavano dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), tutti incentrati sui numeri: decessi, guariti, asintomatici, carica virale, malattia, salute, etc etc… Non scordiamoci però che per l’OMS  “il raggiungimento del più alto livello possibile di salute”, è definito come “uno stato di totale benessere fisico, mentale e sociale” e non semplicemente come “assenza di malattie o infermità”.

L’unica arma che abbiamo noi non addetti ai lavori per combattere il Codiv-19 è attenerci a tutte le norme di sicurezza, ma possiamo comunque prenderci cura di noi, cercando di recuperare o ritrovare il nostro stato di totale benessere: solo cosi possiamo affrontare meglio ciò che ci attende in futuro. Ancora adesso il benessere è considerato una cosa che possono permettersi in pochi, una cosa che ci si concede una volta ogni tanto, qualcosa di occasionale e eccezionale.

Proviamo a cambiare approccio, cercando di lasciare il posto a uno stato mentale impostato, come dice l’OMS, sullo stato di totale benessere che coinvolge molti aspetti della vita quotidiana, dal cibo all’attenzione per il benessere di corpo e della psiche per ridurre lo stress, che a lungo andare è il nostro peggiore nemico. Lo stress incide sui nostri ormoni, sulla capacità del nostro corpo e del nostro sistema immunitario di rispondere agli attacchi esterni e incide sulla capacità delle reazioni chimiche del nostro corpo. Ogni giorno corriamo senza fiato, ogni giorno combattiamo contro qualcosa, ogni giorno diamo il massimo o almeno ci proviamo, ma alla fine al nostro corpo, alla nostra mente, a noi stessi che cosa resta? Nulla…siamo stanchi, nervosi e arrabbiati. Chi ce lo fa fare?

Se invece potessimo affrontare la giornata con più grinta, con più positività e con più energia non sarebbe meglio? Non lavoreremmo meglio? Non avremmo risultati migliori? Non staremmo meglio?

Bene allora dedichiamoci a noi, preveniamo ciò che possiamo prevenire e andiamo alla ricerca del nostro stato di totale benessere, perché non è un lusso da concedersi, ma una necessità per uno stile di vita sano e appagante. Non lasciamo che la paura ci blocchi, non lasciamo spazio alle ansie e ai brutti pensieri, ma diventiamo parte attiva della nostra vita e prendiamoci cura di noi, del nostro corpo e delle nostre emozioni  e soprattutto cerchiamo di avere fiducia nel futuro e in quello che i nostri medici e ricercatori stanno facendo… Prendiamo in mano la nostra vita, prendiamoci cura di noi, con tutte le attenzioni necessarie di questo periodo, ma prendiamoci cura del nostro benessere.

La Crisalide e i suoi collaboratori vi aspettano! Non lasciate che lo stress prenda i comandi delle vostre giornate!

La mappa nascosta dei nostri piedi: la riflessologia plantare

Passiamo la maggior parte del nostro tempo sui nostri piedi senza pensare alla loro importanza per il nostro benessere psicofisico. C’è chi si vergogna di loro, chi li impreziosisce con smalti colorati, chi li nasconde e chi invece li mostra. I piedi sono una mappa del tesoro e il tesoro a cui mi riferisco siamo noi stessi. Loro parlano di noi, raccontano come stiamo e, se trattatati in modo giusto, possono anche farci del bene. Come? attraverso la riflessologia plantare!

Continua a leggere “La mappa nascosta dei nostri piedi: la riflessologia plantare”

Insonnia, lasciami dormire!

L’insonnia colpisce circa il 30% della popolazione, soprattutto donne e anziani. Nella maggior parte dei casi può essere causata da surmenage , stati ansiosi, nevrosi, sindromi depressive (in questo caso consigliamo un supporto di uno psicoterapeuta o esperto nel campo), ma può anche essere collegata al nostro stile di vita, come il cambio di orari e turni, motivi lavorativi e famigliari, fumo, caffè, alimentazione, etc…

Continua a leggere “Insonnia, lasciami dormire!”

Ansia e paura possono essere fiori


Eccoci di nuovo qui! Nell’articolo precedente abbiamo parlato di come ci possono essere utili i colori in una situazione come quella che stiamo vivendo in questo periodo; oggi vi parlerò dell’utilità di alcuni fiori di Bach.
La salute, almeno nelle piccole cose, è direttamente influenzata dagli stati d’animo e questo è un fatto universalmente riconosciuto. Quindi, se delle emozioni transitorie come un’arrabbiatura o uno spavento sono in grado di modificare delle normali funzioni somatiche provocando sudorazioni, palpitazioni o altro, non potrebbe esserci una “legge” più profonda che colleghi la mente e il corpo e che sia capace di interessare l’intero stato di salute?

Continua a leggere “Ansia e paura possono essere fiori”

La cromoterapia ai tempi del Coronavirus


Quello che stiamo vivendo in questi mesi ci sta mettendo a dura prova e ci possono essere dei giorni dove la preoccupazione  e le ansie prendono il sopravvento. É un cosa normale quando ci ritroviamo in una situazione di emergenza che dura per molto tempo e ci lascia nell’incertezza, il nostro fisico e la nostra mente reagiscono mandando dei messaggi. Cosa possiamo fare per cercare di controllare le paure?

Continua a leggere “La cromoterapia ai tempi del Coronavirus”

Il corpo emotivo

“Non esistono parole più chiare del linguaggio del corpo, una volta che si è imparato a leggerlo” – Alexander Lowen

Capita che la mattina ci svegliamo con il mal di schiena, ci alziamo, mettiamo sul fuoco il caffè e, nell’attesa che sia pronto, andiamo in bagno a lavarci i denti e ci  guardiamo assonnati allo specchio e ci studiamo. Quanti di noi di fronte allo specchio non tirano in dentro la pancia per sembrare più magri, oppure cerchiamo di “piallare”con l’aiuto delle mani le rughe attorno agli occhi fino ad avere un immagine riflessa uguale ad un orientale con gli occhi a mandorla, oppure ci raddrizziamo con la schiena e tiriamo indietro le spalle?
Continua a leggere “Il corpo emotivo”

Sogni

I sogni non bastano. I sogni sono solo parte del funzionamento delle cose. Quando fantastichiamo, spaziamo con la mente nelle pieghe della nostra immaginazione: i più fortunati riescono a creare scenari ricchi di dettagli e lontani dalla realtà che li circonda, mentre la maggior parte di noi riproduce essenzialmente la realtà conosciuta, magari edulcorandone le sfumature più fastidiose. Ma non andiamo più in là, anche se sappiamo che fantasticando e sognando non corriamo alcun rischio, non spendiamo nulla in termini economici, di energie e risorse personali e della comunità. Perché, allora, non osiamo spingerci un po’ più in là? Perché abbiamo paura. Continua a leggere “Sogni”

La kinesiologia

L’equilibrio psico-fisico è indice di salute e benessere e per ottenerlo ci sono diverse tecniche olistiche che possono aiutarci. In questo articolo presenteremo la Kinesiologia applicata, una disciplina olistica usata e conosciuta in tutta Europa (meno in Italia) che vale la pena approfondire. Le tecniche usate in kinesiologia servono principalmente a decifrare il linguaggio del corpo per capire quali sono i fattori principali che influenzano negativamente il nostro benessere. Come tutte le discipline olistiche, anche la kinesiologia approccia con il cliente vedendolo nella sua totalità: corpo, mente e spirito.

Continua a leggere “La kinesiologia”

“Conosci te stesso”

A Delfi, in Grecia, fu edificato nel IV secolo a.C. un tempio al dio Apollo, famoso per avere inciso la scritta γνῶθι σεαυτόν (gnōthi seautón), cioè “Conosci te stesso”. E’ interessante che proprio in un luogo di culto, laddove ci immaginiamo che gli esseri umani vadano per pregare, chiedere, venerare un’entità superiore, essi vengano accolti da un invito, quasi un monito, come se, prima ancora di rivolgermi a lui, sia il dio stesso a chiedermi: “Stai conoscendo te stesso? Sei pronto per entrare?”
Ecco che il monito è in realtà una domanda, che ha percorso i secoli ma resta lì immobile, personale, solitaria. Come faccio a conoscere me stesso? Continua a leggere ““Conosci te stesso””

San Giovanni, la “Notte delle streghe”

La notte di San Giovanni, che cade tra il 23 e il 24 giugno, è considerata una notte incantata, ricca di leggende legate alla magia delle streghe e ai riti purificatori. In molte culture pagane si festeggiava la forza del sole, la potenza del suo elemento – il fuoco – e l’inizio dell’estate. Simbolicamente il solstizio d’estate, che precede di pochi giorni la notte di San Giovanni, rappresenta il momento giusto per un nuovo inizio e per attirare la fortuna. Nella nostra vita frenetica e sempre più distante dal contatto con la natura e il suo equilibrio, questa è la notte giusta per ritrovare la sensazione di appartenere a un progetto più grande, vitale e spirituale, qualcosa di simile alla magia, ma che magia non è. Vediamo quali erano le erbe della “Notte delle streghe” nelle società contadine prima del cristianesimo. Continua a leggere “San Giovanni, la “Notte delle streghe””

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑